Regia: Ivan Cotroneo

Cast: Anna Valle, Giovanna Mezzogiorno, Carlotta Natoli, Alessandro Roja, Francesca Cavallin, Marco Bocci, Stefano Dionisi, Rocco Tanica,  Francesco Liotti, Michele Bravi, Mika con i ragazzi del conservatorio: Leonardo Mazzarotto, Ario Sgroi, Francesco Tozzi, Hildegard De Stefano, Chiara Pia Aurora, Emanuele Misuraca e Fotinì Peluso

Ideatori: Ivan Cotroneo e Monica Rametta

Direttore della fotografia: Luca Bigazzi

Scenografia: Ivana Gargiulo

Costumi: Rossano Marchi

Musiche: Gabriele Roberto

Montaggio: Ilaria Fraioli

Casa di produzione: Indigo Film e Rai Fiction

La Compagnia del Cigno

2019

Trama

È la storia di sette ragazzi tra i 15 e i 18 anni, diversi per temperamento, estrazione sociale, provenienza, punti di forza e fragilità, che frequentano il conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Ognuno di loro è un musicista di talento, costretto a misurarsi con la vita, la famiglia, le regole della disciplina e con un durissimo direttore d'orchestra, Luca Marioni, che pretende da loro il massimo, in una città come Milano, che può dischiudere i sogni sul palcoscenico del mondo.

I giovani protagonisti suonano strumenti diversi nell’orchestra del conservatorio; ognuno di loro è solo, concentrato nel coltivare un’ambizione che sembra soprattutto individuale. È proprio il Maestro Marioni, detto “il bastardo”, a costringerli a esercitarsi insieme, per dare supporto a uno di loro, Matteo, che viene da Amatrice e deve integrarsi nell’orchestra essendo stato ammesso a metà dell’anno. La vicinanza e l’affetto che i ragazzi iniziano a sperimentare nello stare insieme, li porterà a stringere un patto d’amicizia che si chiama “Compagnia del Cigno”, in onore di Giuseppe Verdi, soprannominato il Cigno di Busseto; troveranno nel confronto con gli altri, nella condivisione delle sofferenze ma anche delle gioie della musica, la forza per superare le prove più dure della vita e della loro adolescenza.

I ragazzi della Compagnia vivono seguendo il tempo della musica e lottano contro i desideri e le pulsioni più ingannevoli della loro età, ma anche contro le proprie famiglie che, attraversate dalle profonde insicurezze della modernità, da un lato li aiutano e li sostengono e dall’altro finiscono per danneggiarli.

Un racconto epico, commovente e musicale, che torna a mettere al centro il tema del talento, della disciplina che serve per raggiungerlo, e della diversità come strada per trovare se stessi.

 

 

Foto e Backstage